Nun ce sta niente ‘a festiggià! di: Salvatore Mazzella

Oggi me nvitate? Me dicite ‘e festiggià?

Oggi me cercate? Me parlate?

Ancora na vota me chiammate fratello…

Assettateve ca mò v’aggia parlà!

I’ tenevo na terra, na casa, lavoro, mugliera e figli

stevemo bbuono, nun ce mancava niente

gioia, felicità, allerezza, cummedità e ricchezza…

A vvierno ‘o friddo ‘a chesti pparte é cchiù ddoce

d’estate e che vvò ddico a fà, tenimmo ‘o mare

ll’arte nun c’é mai mancata

poeti, cantanti,  cultura e qualità

Site venute e nisciuno v’ha nvitato

c’avite arrubbato, spugliati, violentati

ve site pigliato tutt’ ‘e ccose

case, terre, mugliere e criature

C’avite chiammato briganti

sulo pecchè vulevamo difennere ‘e ccose noste

c’avite levato pure ll’aria ca respiravamo

e costretti ad andarcene c’avite chiammati emigranti

Avite cacciato chi cca teneva ‘o diritto ‘e ce sta’

‘o Rre, ‘o Rre nuosto, ‘o Burbone… Chillo sì ch’era nu Rre!

c’avite purtato nu tiranno e na bannnera ‘e tre culure

quanno nuie na bannnera ‘a tenevemo ggià

C’avite purtato pure ‘a canzuncella… Fratelli d’Italia…

ma ll’Italia addò stà? Che se sparano ‘e fratelli?

Forse s’accideno ‘e fratelli?

Scusate, ma s’arrobbano ‘e fratelli?

‘A storia l’avite scritta vuie

chiena ‘e nfame e ‘nfamità,

Garibaldi, Cavour, Mazzini, Cialdini e Savoia

tutti travestuti da eroi ca invece erano spuorche cchiu ‘e nu boia

Ancora oggi comme allora

ce ‘nfamate cu razzismo e offese…

ancora oggi nunn’è cagnato niente…

ancora oggi nunn’avite capito niente

Doppo 150 anne ‘e buscie ce chiammate

ce nvitate ci imponete una data 17 marzo…

ce dicite festeggiammo l’unità! Ma quale unità?!

Ma qual’Italia? Ma qua’ triculore?

Ve site scurdato?

Ce chiammate Africani e accussì ce chiammava pure Cialdini…

Sentite a mme, nun perdite ‘o tiempo,

nuie simmo Napulitane, nun tenimmo niente ‘a festiggià!!!


Salvatore Mazzella



Annunci

Informazioni su Salvatore Mazzella

Nasco nel Regno delle due Sicilie e precisamente nella capitale, Napoli, era il 23 Marzo del 1971, comincio subito a "rompere" i timpani di mia madre con la batteria...di pentole, mamma poverina decise di regalarmi una chitarra che dava meno fastidio al suo udito, negli anni ho cominciato ad innamorarmi di questo meraviglioso strumento, sono un autodidatta che ha chiesto "consigli" su come domarla, a vari maestri, tra cui Vincenzo Neri e Ciro Perris, ho cominciato a scrivere canzoni ed a partecipare a concorsi canori, ho partecipato a trasmissioni televisive come interprete della musica di Pino Daniele, negli anni sono cresciuto e mi sono avvicinato alla musica della mia terra, "saccheggiando" il repertorio che è stato di grandi maestri come Mario Abbate, Sergio Bruni, Aurelio Fierro, Roberto Murolo, Massimo Ranieri ed il mitico Eddy Napoli. Ne divento interprete in serate dal vivo con chitarra e mandolino oppure in gruppo. La canzone napoletana ti cambia la vita, la interpreti, la vivi, la domi e sei domato, spero che questa mia passione possa ancora durare a lungo, mi accontenterei di viverla fino a che sarò tra voi.. Vedi tutti gli articoli di Salvatore Mazzella

3 responses to “Nun ce sta niente ‘a festiggià! di: Salvatore Mazzella

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: