E MO’? CHE NE SARRA D’ ‘A VITA MIA? di Salvatore Mazzella

E mo? Che ne sarrà d”a vita mia?

Sta vita scuncecata, sta vita ntussecata, sta vita arremmediata…

Uno campa na vita sana cu ’o penziero ‘e faticà

‘a matina se sosa, se lava e se veste senza ce penzà

e nun ce pò penzà, nun se pò fermà

‘e bullette, ‘e criature, ‘e spese p”a casa, tiene na famiglia

diceno ll’amice nun te può fermà…

E allora curre, curre pe’ na vita sana

‘a stanchezza, ‘a pecundria, ‘a freva, ‘a malatia

nun tien’‘o tiempo, nun tieni nu mumento,

scinne, f’ampresso, nun te può fermà!

E arrivati quasi ‘a fine, quanno finalmente te putisse arrepusà

allora dint’‘o scuro vene ‘a morte ‘a te piglià!

Che vulite? Che dicite? Pecchè v’aggia seguì?

Dateme na ragione, dateme na spiegazione,

io sò sempe stato ccà, songo sempe stato onesto

songo sempe stato serio, io ievo a faticà…

Che dicite? V’aggia sta’ a sentì?

Dicite, faciteme capì…

‘A vita toja è stata chiammata, n’ato l’ha pensato

c’è stata na strazione, e chesta è l’occasione

‘a dinto ‘o panariello è asciuto ‘o nummariello e chillu nummero sì tu

pirciò nun me fà perdere  tiempo ca pure io tengo che fà!

Tu? Tu nun te può ncazzà, nun te può ribbellà

pirciò mò muovete, f’ampresso ca ce n’avimma ire…

‘a vita chest’è, se nasce, se cresce e se more

nun te può girà, nun te può fermà

si quaccosa pa via haie  lassato, arreto nun ce può turnà…

pirciò mò nun te ntussecà…

E mò? Che ne sarrà  d”a vita mia?

‘A vita nunn’è ‘a toja, ‘a vita è ‘a soja, tu nun t’ha può piglià

te l’ha mprestata nu mumento e io sò venuta p”a purtà

che faie? Nun chiagnere, nun te preoccupà, addò te porto mò

nun te sfastriarraie, tanti ccose s’hanna fà…

‘O ssaie? Je mo’ te porto ‘a faticà…

Salvatore Mazzella

Annunci

Informazioni su Salvatore Mazzella

Nasco nel Regno delle due Sicilie e precisamente nella capitale, Napoli, era il 23 Marzo del 1971, comincio subito a "rompere" i timpani di mia madre con la batteria...di pentole, mamma poverina decise di regalarmi una chitarra che dava meno fastidio al suo udito, negli anni ho cominciato ad innamorarmi di questo meraviglioso strumento, sono un autodidatta che ha chiesto "consigli" su come domarla, a vari maestri, tra cui Vincenzo Neri e Ciro Perris, ho cominciato a scrivere canzoni ed a partecipare a concorsi canori, ho partecipato a trasmissioni televisive come interprete della musica di Pino Daniele, negli anni sono cresciuto e mi sono avvicinato alla musica della mia terra, "saccheggiando" il repertorio che è stato di grandi maestri come Mario Abbate, Sergio Bruni, Aurelio Fierro, Roberto Murolo, Massimo Ranieri ed il mitico Eddy Napoli. Ne divento interprete in serate dal vivo con chitarra e mandolino oppure in gruppo. La canzone napoletana ti cambia la vita, la interpreti, la vivi, la domi e sei domato, spero che questa mia passione possa ancora durare a lungo, mi accontenterei di viverla fino a che sarò tra voi.. Vedi tutti gli articoli di Salvatore Mazzella

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: