A Massimo… di: Salvatore Mazzella

18-anni-senza-massimo-troisi-638x425

In occasione del 60° anniversario della nascita di Massimo Troisi ho scritto un pensiero, non ho voluto farne una canzone, volevo parlargli, ho immaginato che fosse davanti a me ad ascoltare queste mie parole, il testo è in napoletano, accussì me capisce meglio…

A Massimo…

Quant’anne so’ passati da chillu ’53
‘a strada annanze a te ancora nun se vedeva
ma ll’arte e la napoletanità crisceva nziem”a te
‘o cinema e ‘o triatro ‘o core tuoio vuleva

‘O core… ca pe’ nu strano destino te vuleva fermà
e già da piccerillo accumminciaie a fa capricce
ma tu, forte, cumbattenno, si’ ghiuto annanze senza penzà
nu spettaculo e po’ n’ato sott”a ‘sti capille ricce

Na sagoma, na macchietta in calzamaglia nera
na maschera naturale ‘a faccia toia
un’ironia fuori dal comune, raccuntav”e ccose overe
tra battute e fantasia ce cuntavi n’ata storia

Mai na battuta fuori posto contro ‘a ‘sta città
mai luoghi comuni nella tua comicità
tu ll’amavi e se vedeva, se senteva, se tuccava
e cu chi se permetteva ire pronto e te ncazzave

Doppo ca c’haie regalato ll’urdemo capolavoro
t”e vuluto arrepusà, e zittu, zitto, comme si’ venuto
accussì te ne si ghiuto, senza alluccà e senza fa dummore
d”a chillu core malato e nnammurato si’ stato traduto

Ma ll’arte, ll’arte nun se ne va, Massimo, tu staie ccà!
nisciuno s’è scurdato pecché ‘e te simmo nnammurate
chi c’ha vuluto bene nun se pò scurdà
ce rimane ‘stu dulore ma… tu ‘o ssaie comme fa ‘o core quanno s’è sbagliato!

Salvatore Mazzella

Diritti riservati.

Annunci

Informazioni su Salvatore Mazzella

Nasco nel Regno delle due Sicilie e precisamente nella capitale, Napoli, era il 23 Marzo del 1971, comincio subito a "rompere" i timpani di mia madre con la batteria...di pentole, mamma poverina decise di regalarmi una chitarra che dava meno fastidio al suo udito, negli anni ho cominciato ad innamorarmi di questo meraviglioso strumento, sono un autodidatta che ha chiesto "consigli" su come domarla, a vari maestri, tra cui Vincenzo Neri e Ciro Perris, ho cominciato a scrivere canzoni ed a partecipare a concorsi canori, ho partecipato a trasmissioni televisive come interprete della musica di Pino Daniele, negli anni sono cresciuto e mi sono avvicinato alla musica della mia terra, "saccheggiando" il repertorio che è stato di grandi maestri come Mario Abbate, Sergio Bruni, Aurelio Fierro, Roberto Murolo, Massimo Ranieri ed il mitico Eddy Napoli. Ne divento interprete in serate dal vivo con chitarra e mandolino oppure in gruppo. La canzone napoletana ti cambia la vita, la interpreti, la vivi, la domi e sei domato, spero che questa mia passione possa ancora durare a lungo, mi accontenterei di viverla fino a che sarò tra voi.. Vedi tutti gli articoli di Salvatore Mazzella

3 responses to “A Massimo… di: Salvatore Mazzella

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: