Archivi categoria: Tra musica e magia

I’ nun credo – il trailer

foto (6)

Evento da non perdere domenica 2 giugno, festa dell repubblica italiana!
Proprio nel giorno che l’Italia ricorda la sua repubblica io ricorderò all’Italia la nostra storia, “I’ nun credo”!
Sul mio canale youtube: http://www.youtube.com/salvatoremazzella
in anteprima mondiale ci sarà la pubblicazione del video del mio nuovo brano:
“I’ nun credo”
brano il cui testo è stato scritto da Mario Abbate jr. (figlio d’arte del noto Mario Abbate, grande artista ed interprete delle più belle canzoni classiche napoletane, nonché il primo a cantare “Malafemmena”) e da me musicato.

Il brano tratta lo scottante argomento dell’invasione del Regno delle due Sicilie da parte dei piemontesi nel 1860, invasione che portò alla forzata annessione al Regno d’Italia!
Il prezzo pagato dal meridione fu altissimo! Parliamo di circa un milione di morti ammazzati e trucidati dall’esercito savoiardo!
Parliamo di 443 milioni (tra lire ed oro) che erano nelle casse del Regno.
Parliamo di donne, vecchi e bambini ammazzati, di paesi rasi al suolo, bruciati, annientati, parliamo di torture e violenze inaudite “cose da cloaca” come da definizione dello stesso Giuseppe Garibaldi!
Parliamo della colonizzazione vera e propria del meridione e del mantenimento di essa fino ai tempi di oggi!
Parliamo di milioni di emigranti costretti a lasciare le loro terre e la loro patria per sfuggire a questa inaudita violenza (emigrazione che fino al 1860 non si era mai registrata nel Regno delle due Sicilie.

Per l’occasione non ci siamo fatti mancare la collaborazione di un artista napoletano di fama mondiale che ha curato gli arrangiamenti… Il nome sarà svelato il giorno 30 guardando il video…
Non mancate all’appuntamento! Domenica 2 giugno… “I’ nun credo” il video!!!


E’ ancora tiempo…

Dall’ultimo lavoro di Enzo Avitabile…

E’ ancora tiempo

Brano tratto dall’ultimo lavoro di Enzo Avitabile, in “Black Tarantella” Enzo ospita artisti del calibro di Francesco Guccini, Raiz, David Crosby, Mauro Pagani, Bob Geldof, Franco Battiato e tanti altri.
Meravigliosa l’atmosfera di: “E’ ancora tiempo” dove compare Pino Daniele, Pino che in passato aveva collaborato con Enzo all’inizio della sua carriera, il Nero a metà “presta” la sua inconfondibile voce ed il suo magico tocco di chitarra.
C’era bisogno di “donare” alle orecchie, al cuore ed all’anima le note di questa canzone…

In passato ho criticato e pure duramente Pino Daniele per un’intervista data ad un giornale di cui ometto il nome per non fargli pubblicità gratuita, si era definito “garibaldino”, Pino nel tempo aveva chiarito l’equivoco dicendo che definirsi “garibaldino” per lui non significava altro che quello che era scritto nei vocabolari, (irruento, ribelle ecc. aggettivi che secondo me non appartengono a Garibaldi che ritengo solo uno schiavista, un usurpatore, un saccheggiatore, violentatore e presunto assassino di Anita).
Criticai aspramente Pino come dicevo prima, ma come allora lo criticai così oggi voglio fargli i complimenti per essersi prestato a quest’opera di Enzo Avitabile, i due hanno saputo dare il giusto “tocco” ed il giusto messaggio, la canzone è di Enzo, ma i due si “sposano bene…

Ho voluto realizzare questo video perché ritengo che questa canzone possa essere ascoltata da tutti i napoletani, spero possa essere da sprone a non lasciarsi andare, a non piegarsi ad una politica di potere che non vuole altro che continuare il lavoro iniziato 151 anni fa con l’annessione al Regno di Sardegna, (l’Italia è una cosa che è avvenuta dopo, a chi vulite fa fessi!?!), vorrebbero farci piegare, farci abbandonare la nostra terra, renderla un posto invivibile…
Ma noi non dobbiamo permetterlo.

Dobbiamo invece lottare, lottare affinché i nostri diritti possano essere affermati.
Lottiamo per liberarci dal male che affligge la nostra città, lottiamo per renderla più pulita, lottiamo per insegnare ai nostri figli la nostra lingua, lottiamo per imporci all’Italia, lottiamo per tutto!

Simmo napulitane canta Eddy Napoli, simmo napulitane e nun ce l’avimma scurdà, simmo napulitane, gente seria, gente onesta, gente fatta di lavoratori, di arte, di passione, gente ca nun ce ne stanno simili, sì, simmo napulitani, gli altri no!!!

E’ ancora tiempo… non arrendiamoci mai….

I miei ringraziamenti ad Enzo e Pino.

Salvatore Mazzella


LA MIA ANIMA LATINA di: Salvatore Mazzella

Ho una musica nella testa

che non mi fa pensare

e vedo in fondo la mia anima

che non si sa fermare

è un ritmo disumano

che sale piano  piano

è un treno metropolitano

che arriva contromano

 

E allora danza, danza ancora

dentro il mare o intorno al fuoco

sulla sabbia danza un’ora

e allora balla, balla ancora

a mia anima latina per non sentirsi sola…

 

E resto fermo nel mio letto

aspettando la luce

che lentamente arriverà

e la notte scaccerà

sento confusione

che arriva da lontano

vedo segnali di fumo

dietro quel vulcano

 

E allora danza, danza ancora

dentro il mare o intorno al fuoco

sulla sabbia danza un’ora

e allora balla, balla ancora

la mia anima latina per non sentirsi sola…

 

E la mia anima lo sa che sola non sarà

se insieme danzeremo n questo sogno in bianco e nero

e se la mano le darai lei non si fermerà

poi forse volerai, chissà non si sa mai

 

E allora danza, danza ancora

dentro il mare o intorno al fuoco

sulla sabbia danza un’ora

e allora balla, balla ancora

la mia anima latina per non sentirsi sola…

 

 

Salvatore Mazzella

 


IO VENDERO’ di: Salvatore Mazzella

Io venderò… questa mia casa

e le mie scarpe io venderò

mai più legato alle cose sarò

 

E dormirò solo, sotto le stelle

a piedi nudi io camminerò

sai non m’importa se solo sarò… io così vivrò

 

Perché vedo gente che lotta per niente

per il potere non vede e non sente

un pezzo di pane può farti arricchire

un pezzo di pane può farti morire

di questo mondo ne ho piene le sfere

non voglio affogare ma non voglio bere

perché non ci stò… io non ci stò

 

Io lo farò… non resto a sognare

meglio fermarsi e pensare d’amore

che vivere ancora con questo dolore

 

C’è il sole, ed il mare è da guardare

quì voglio restare dall’alba al tramonto

quì voglio aspettare la fine del mondo va bene così… è meglio così

 

Perché vedo gente che lotta per niente

per il potere non vede e non sente

un metro di terra può farti arricchire

un metro di terra può farti morire

in questo mondo crudele e ribelle

dove cadono anche le torri gemelle io non ci stò… io non ci stò

 

Io venderò… e niente più avrò

col vento e con l’aria di questo vivrò

mai più legato alle cose sarò… io così vivrò…

 

 

Salvatore Mazzella

 


NUOVI CIELI E NUOVA TERRA di: Salvatore Mazzella

Io vedo che nel mondo siamo tutti peccatori

e trasciniamo gli altri nelle reti come dei pescatori

e non sappiamo più in cosa dobbiamo credere

e non sappiamo più in cosa dobbiamo cedere

noi abbiam distrutto le ragioni e le religioni

nascono ogni giorno Dèi e falsi santoni

ma in verità vi dico che una risposta vera c’è

ed è la fede nel Signore che un giorno ci darà

Nuovi cieli e nuova terra

il mistero di una stella

per poterci liberare da sta’ guerra

io vorrei poter sperare aldilà di ogni altare

che la gente possa amare non lucrare

mmiezo a tutto stu’ burdello

addò quasi niente è bello

restiamo solo noi…

che cerchiamo disperatamente cosa… non lo sò…

Storie vuote senza trama

di milioni di persone

che ogni giorno aspetta l’alba

e poi il sole che muore

anche le nuvole n cielo sai

e il temporale che arriverà

daranno luce e vigore

allo spazio alla terra e a noi…

Nuovi cieli e nuova terra

il mistero di una stella

per poterci liberare da sta’ guerra

io vorrei poter sperare aldilà di ogni altare

che la gente possa amare non lucrare

mmiezo a tutto stu’ burdello

addò quasi niente è bello

restiamo solo noi…

che cerchiamo disperatamente cosa… non lo so’

Salvatore Mazzella


QUANDO POI C’E’… MUSICA di: Salvatore Mazzella

Quando il giorno si fa strada

ed il sole  invade il cielo poi…

la notte scappa via

quando un raggio di luce

tra le persiane chiuse poi…

sfiora i tuoi capelli

quando io accanto a te

con lo sguardo fisso al cielo di chi…

non sa cosa fare

quando in questa solitudine

che mi trascino dentro io…

non ci resisto più

allora imbraccio la chitarra

per cercare di domarla

e quattro note strimpellate

invadono il silenzio poi…

diventano musica e intorno a me

io sento la musica che è in me

soltanto la musica…

quando guardo nei tuoi occhi

ed insieme ci prendiamo poi…

per mano

quando in te vedo il mio sole

io mi sento meno solo e tu…

diventi la musica e intorno a me

io sento la musica che è in te

io sento la musica che è in me

soltanto la musica…

Salvatore Mazzella


VIVO di: Salvatore Mazzella

E gli anni passano

in questa vita mia e in questo secolo

che mi trascina via e senza uscita

tra immagini e poesia

sono in caduta, cerco un’altra via

e giorni uguali

le mie ali non spezzate davanti al mare

passando ad aspettare un’occasione

che mi faccia svoltare

che voglia di cambiare la realtà

e vivo…

con il vento tra i capelli

ed il cuore sempre in gola, vivo…

aspettando un giorno nuovo

svegliandomi al mattino, vivo…

suonando, cercando, sperando…

io vivo…

come ieri anche domani

con l’aria tra le mani, vivo…

mentre gli occhi stan cercando

uno spiraglio nel futuro, vivo…

io vivo, io vivo… intanto vivo…

mi sembra illogico

e non so poi quanto vale stare seduto

soltanto ad ascoltare

quello che ho dentro, che mi fa sognare

dalla caduta io cerco questa via…

e vivo…

con il vento tra i capelli

ed il cuore sempre in gola, vivo…

aspettando un giorno nuovo

svegliandomi al mattino, vivo…

suonando, cercando, sperando…

io vivo…

come ieri anche domani

con l’aria tra le mani, vivo…

mentre gli occhi stan cercando

uno spiraglio nel futuro, vivo…

io vivo, io vivo… intanto vivo..

Salvatore Mazzella