NAPOLI NEL CUORE…

Sezione di pensieri, testi, poesie e canzoni mie o di amici, potete scrivere tutti, e tutto ciò che volete, (ovviamente non cadendo nella volgarità) tutto però deve essere rigorosamente in lingua Napoletana….

Sotto a chi tocca….

Annunci

18 responses to “NAPOLI NEL CUORE…

  • Anna G.

    NAPULE,tu e io

    Io voglio bene a Napule
    pecche’ ‘o paese mio
    e’ cchiu’ bello e ‘na femmena,
    carnale e simpatia.
    E voglio bene e te
    ca si Napulitana
    pecche’ si’ comm’a me
    cu tante e core mano.
    Saje scrivere,saje leggere parole e’ passione;
    saje ridere,saje chiagnere
    sentenno ‘na canzona.
    Napule, tu e io…
    simme tre ‘nnammurate:
    simmo ‘na cosa sola,
    gentile e appassiunata.
    Nuie simmo ‘e figlie e Napule,
    Vommero,Margellina:
    Quanno se dice
    S’annomena ‘a reggina!

    Antonio De Curtis.

  • Salvatore Mazzella

    Brava Anna, in questa sezione non poteva mancare il principe, l’immenso Totò…

  • Anna G.

    E’ Lampadine

    E’ Lampadine so’ a cosa cchiu’ bella ca ce sta’
    portano ‘a luce addo’ luce nu ce sta’
    dinto ‘a nu vico ‘ scuro
    dinto ‘a na stanzulella addo’ nun ce trase o’ sole
    dinti ‘a nu core triste e sulo

    Ce ne stanno e lampadine, e tutte e’mmisure
    so’ belle,piccerelle e’ puo tucca’
    grosse,tonne o bruttelle
    comme veneno accussi te l’haje piglia’

    E’ lampadine portano calore
    scarfano pure si fa friddo
    te scarfano e mmane si ll’astrigne
    te scarfano o core si t’e gguarde
    e ll’accarizze pe nunn’ ‘e fulmina’

    Ogni genitore tene ‘a lampadina soja
    ogni figlio e’ na lampadina
    ogni creatura porta calore e luce dinto o core
    e si staje luntano pe ‘na raggiona
    allora si, staje dinto o scuro
    pure si attuorno tiene o sole….

    Salvatore Mazzella.

    P.s. Ammiro tantissimo
    il modo in cui esprimi i tuoi
    sentimenti per le tue lampadine.
    Anna G.

  • Salvatore Mazzella

    Brigante se more… (Libertà)

    Ammo pusato chitarre e tammurre,
    pecché ‘sta musica s’ha dda cagnà,
    simmo “Brigante” e facimmo paura
    e cu ‘a scupetta vulimmo cantà.

    E mò cantammo na nova canzona,
    tutta la gente se l’ha dda mparà,
    nuie cumbattimmo p”o Rre Burbone
    e ‘a terra nostra nun s’ha dda tuccà.

    Chi ha visto ‘o lupo e s’è miso paura,
    nun sàpe bbuono qual’è ‘a verità,
    ‘o vero lupo ca màgna ‘e criature
    è ‘o piemuntese c’avimm”a caccià.

    Tutte ‘e paise d”a Basilicata
    se so’ scetate e vonno luttà,
    pure ‘a Calabria mo s’è arrevotata
    e ‘stu nemico facimmo tremmà.

    Femmene belle ca date lu core,
    si nu “Brigante” vulite aiutà,
    nun ‘o cercate scurdateve ‘o nomme,
    chi ce fà ‘a guerra nun tène pietà.

    Ommo se nasce, “Brigante” se more
    e fino all’ultimo avimm”a sparà.
    Ma si murimmo menate nu sciore
    e na preghiera pe’ ‘sta libertà.

  • Vincenzo

    «Je parlo napulitano pecché è ‘a lengua mia, e no pecché nun saccio parlà ‘o taliano, comme ve vonno fa’ credere.
    Je parlo napulitano e continuarraggio a lo parlà, pecché ‘o juorno ca perdarrimo pure ‘a lengua, c’avranno acciso na vota e pe sempe»

  • maria nunzia panico

    DEDICA AL GRANDE MAESTRO SERGIO BRUNI…
    pubblicata da Maria Nunzia Panico Borrelli il giorno lunedì 27 febbraio 2012 alle ore 17.15
    Scalinatella ca scenne pè mmare,
    cu e Zucculille a stongo saglienne
    e tengo nguollo na “Giacca Rossa”,
    e songo na “Bruna” napulitana,
    mè chiammano tutti, a me, “Carmela”
    e vengo sule “Spingule Francese!”
    Sente na voce cchiu’ bella do’ munno
    ca appena intona ” Indifferentemente”
    ncopp’o’ Palcuscenico da’ fantasia!
    E io cu a Vucchella nfosa d’acqua fresca,
    canto cu o pueta sti poesie belle e cianciose,
    ca pero’ nc’è mettene ncroce!
    “Amare e’ o bene” pè stu “Paese do’ sole”
    e o mare ca nun vo’ proprio resuscita’!
    Chistu “canto de’ sirene”, chesta “rumba
    de scugnizzi” fanno si ca st'”Acquerello napulitano”,
    fa canta’ pure a chii stà murenne…
    p’è ll’ammore ca porta dinto o core,
    pè te Sergio e pè ‘sti canzone!

  • maria nunzia panico

    POESIA AMMORE MIO!
    pubblicata da Maria Nunzia Panico Borrelli il giorno giovedì 29 marzo 2012 alle ore 17.03 ·

    Io nun saccio niente e,
    Di Giacomo, Trilussa,
    Manzoni e Leopardi…
    e Pascoli e Ungaretti…
    e pure e tanti autri…
    ma saccio sulo ca…
    me piaciono e poesie!
    e sopratutto e scriverne,
    scriverne a piu’ non posso…
    accummencio p’à matina
    appena ca me sosso!

    TUTTI I DIRITTI RISERVATI

  • maria nunzia panico

    pubblicata da Maria Nunzia Panico Borrelli il giorno giovedì 29 marzo 2012 alle ore 16.21 ·
    Si nun me truvate cchiu’,
    nun me cercate!
    Cercateme dint’ò bene
    ca v’aggia dato!
    Io vè sarraggio sempe vicino,
    cu ‘a mente, ‘o spirito e ‘o core
    basta ca vuje nun ‘o stutate
    maje chillo barlume…
    ‘O ricordo mio tenitelo vivo,
    leggenno e purtanne
    pò munno chesti puesie…
    ‘O nomme mio addeventarra’
    ‘mpurtante… doppo ca io
    so ghiuto o campusanto!

    TUTTI I DIRITTI RISERVATI

  • maria nunzia panico

    SCAVANNE DINT’E’ SUONNE…
    pubblicata da Maria Nunzia Panico Borrelli il giorno giovedì 29 marzo 2012 alle ore 10.02
    Scavanno dint’ è suonne,
    veco na culonna…
    fatta ‘e cemento,
    bianca comme ‘a neve!
    Chella culonna e’ ‘a famiglia,
    ca ruota attuorno a me!
    ‘O bene e’ troppo assaje
    ca io ricevo ‘a vuje…
    ma nun ‘o saccio si ‘o merito,
    tutto stu grande affetto!
    “Amatemi vi prego!”
    me pare ca e vvote dico…
    pecche’ tengo paura,
    ca ‘o bbene ppo’ ferni’…
    all’impruvviso!
    Ma comme pozzo penza’
    io chesto?
    Io che decanto “ammore”,
    pozzo penzà ca more
    sto sentimento ‘e favola
    cu tutto ll’alone suoje?
    Pur’io songo essere umano
    cu tutt’è sbaglie mieje…
    e’ chesto ca me fa male,
    nun me fa campa’ cchiu’ bbuono!
    Guardateme cu uocchie doce,
    guardateme cu nu surriso,
    nun me puntate maje contro, ‘o dito!
    Nun e’ maje pè cattiveria…
    si qualche vota sbaglio!
    lassateme sempe nu spiraglio…
    nun me chiudite a porta, maje!
    (Ah…me so’ scurdata e di’…vè porto dint’ò core… “famiglia mì!”)
    TUTTI I DIRITTI RISERVATI

  • maria nunzia panico

    ‘A DUMMENECA D’E’ PALME!
    pubblicata da Maria Nunzia Panico Borrelli il giorno domenica 1 aprile 2012 alle ore 13.07
    ‘A dummeneca d’è Palme
    nun c’avesseme appicceca’!
    e si’ pure pè tutto ll’anne
    sempe pace nc’avessa sta’!
    Oggi giorno cu ‘sti malanni
    comme se po’ dicere “pace!”
    Guerre, crisi e violenza…
    songo ‘o ppane e chesta terra!
    ma comme se po’ ferni’
    tutto chesta penitenza!
    Ca se sta pavanne ‘o mmale
    e sti quatto squinternati
    ca pè “onore” dò putere…
    tenene mmane chisti fili!
    Nun me vene a me ‘o ggenio
    e dicere a tutti…”auguri”,
    fino a che chisti putenti
    nun se ne vanno a “fan….ulo!”

    TUTTI I DIRITTI RISERVATI

  • maria nunzia panico

    NA FUTURA NONNA NN’AMMURATE DE CRIATURE…
    pubblicata da Maria Nunzia Panico Borrelli il giorno domenica 1 aprile 2012 alle ore 15.45

    Fosse ‘a Maronna..
    e io fosse gia’ nonna!
    farria addeventa’ stu ninno,
    nu ninno cchiu’ mpurtante
    ‘e chesta terra!
    nu ninno cu na nonna ca scrive puesie
    a meglio a meglio!
    Nc’è penzate comme sarria felice io
    ‘e decanta’ a isso ‘e vierze
    ca mi escene ‘a dint’ò core?
    Madunne’ dammello qualche segno!
    pero’ tè dico na cosa…..
    sarria felice pure si nun fosse
    ‘o stesso sanghe mio…pecche’
    ‘o saccio…e comme si ‘o saccio…
    ca nc’è stanno criature,
    ca d’affetto nun ponn’essere sicuri…
    nascenne sfurtunati…dinta e famiglie scuitate,
    addo’ nc’è stanno mamma o pate mbriacuni,
    drogati o carcerati…oppure senza core!
    Cca’ ‘o ssaje… nc’è ne sta ammore…
    po da’ a qualche d’uno e lloro!

    TUTTI I DIRITTI RISERVATI

  • maria nunzia panico

    VA UN PENSIER AL SENATUR’…..E PER QUESTO VA A FAN CUL’…
    pubblicata da Maria Nunzia Panico Borrelli il giorno venerdì 6 aprile 2012 alle ore 8.37
    Va A fancul’ senatur’
    Va sull’ali dei coglion’
    del dorat’ cavalier!
    Tu che a Rom’ sei arrivat’…
    e ladron’ l’hai chiamat’…
    Ma per anni “ci hai” restat’
    e ladron’ sei diventat’…
    Meno mal che ti han stanat’
    e dalle pall ti han levat’…
    Mo’ me raccumann’ a te…
    nun te’ fa piu’ vede’…
    tu e quelli comm’a’ tte….
    (nc’è vuleva sta ripres’
    e to’ dico in “Piemuntes’..
    Si a Napule nc’è ne songo mariuol’
    ncopp’ o’ Nord e ladrun’…)

    tutti i diritti riservati
    (ps: scritta in piemontes’…napulitanizzat’…)

  • maria nunzia panico

    ‘A VICCHIAJA…MERAVIGLIA DA’ NATURA!
    pubblicata da Maria Nunzia Panico Borrelli il giorno giovedì 12 aprile 2012 alle ore 9.34
    Ll’uocchie so troppo stanchi,
    ‘a pelle arrugnata…
    pare nu capulavoro ca Cristo
    a criato…
    ‘e capille janghe comme a neve,
    si na figura storta…
    cammine tutto abbuccato,
    comme nu grande attore ca fa l’inchino
    o pubblico…doppo a recitazione!
    Madonna! e comme si cagnato…
    ma pure mo’ io veco ll’ammore ca mè dato,
    cchiu’ immenso e n’orizzonte intenso!
    E faticato assaje…e’ vero,
    pè purta’ annanze l’orgoglio e sta famiglia,
    …tanto tè prodigato!
    E chi te sta vicino nun se ne accorge e niente…
    nun vede chesta vita comme t’à mmappuciato…
    e tanto te’ vede viecchie e se ne accorge
    ca ll’anni so passati…
    quanno staje ncopp’ o’ lietto
    e a morte t’à pigliato!

    tutti i diritti riservati

  • Pino rispo

    Salvato’ tu si nu grande amico te voglio bene assaje

  • Giuseppe Rispo

    ‘Sti pparole d’ammore

    Scrivo pe’ tte chesta canzona
    ‘sta melodia, chesti pparole d’ammore
    Te penzo juorno e notte
    Te sento dint ‘a ll’anema

    Pe’ tte cuntinuo ‘sta lotta me si’ mamma e staje luntana
    tanti belli ricordi e quanta belli ccose m’haie mparate
    i’ cammenavo e t’ammiravo
    me pareve nu suonno, invece era overo

    Ogge staje sempe ccá dint’ ‘o penziero
    Poch’ anni vissuti nzieme a te
    te porto sempe cu me
    pure si te veco poco, staje sempe dint’ ‘a ‘stu core

    Me si’ mamma e staje luntana
    Ma ‘e figlie tuoje ‘e vvuò bene
    e stai sempe a braccia aperte
    aspettanno cu ammore e piacere

    Te penzo juorno e notte
    te sento dint’ ‘a ll’anema, pe te continuo ‘sta lotta
    Napule, ogge me staje luntana ma te voglio sempe bene
    e dedico a te chesta canzona ‘sta melodia e chesti parole d’ammore!

  • Giuseppe Rispo

    ‘A fenesta ‘e chistu core

    Di Pino Rispo D.R

    Llá miezo ‘o mare veco na varca ‘e piscatore,
    tutte ‘e nnotte quanno m’affaccio
    da ‘sta fenesta ‘e chistu core
    comme fosse aiere, quant’e bello

    Stongo ancora ccà
    comme é bella ‘a muntagna stanotte dice na canzona
    i’dico ca ogni notte, ‘sta muntagna nun tene paragone!
    Ogni notte tengo chistu suonno, ‘sta visiona

    Ogni notte me sceto scrivenno puisie
    nu juorno chisá forse sarrà na canzona…
    sinnò nata poesia…
    na puisia d’ammore

    Chisá pecché ‘sta fenesta
    s’arape sempe ccá
    sarrà pecche ‘a veritá, ‘a veritá
    sente addore ‘e libertá!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: