Il caffè da migliorare

Dal blog del mio amico Angelo Forgione…

il Blog di ANGELO FORGIONE

Angelo Forgione – La tanto attesa inchiesta di Report (Rai Tre) sul caffè ha evidenziato i guasti del sistema in Italia, dimostrando che i torrefattori fanno spesso abuso della qualità “Robusta”, che costa la metà della “Arabica” e ha aromi legnosi, se proviene dal Vietnam, e di terra, se di origine Africana. Fari puntati anche sui baristi che in troppi casi non sanno cosa c’è nelle miscere che servono, non effettuano il “purge” (l’operazione a bottone per pulire l’acqua, che è però automatica con le macchina a leva diffusissime a Napoli), non puliscono i filtri dove lasciano sedimentare residui cotti centinaia di volte, non puliscono la campana del macinino e non macinano il caffè al momento, pregiudicando l’aroma. Il resto dell’inchiesta ha riguardato le capsule.
Niente paura, però. La cultura della bevanda a Napoli e nel resto d’Italia è intatta, e non basteranno i pareri sul sapore a umiliarla. Andrej…

View original post 130 altre parole


‘A cchiù sirena d’ ‘e ssirene

Una poesia scritta con il mio “fratellone” Pino il “briganter” Rispo!!!

pinobriganterispo's Blog

20140403-014240.jpg

di: Pino Rispo e Salvatore Mazzella

L’Italia? E che vo’ dì chesta parola?
‘stu nomme e ‘sta bandiera tricolore?
è sulo n’espression’ ‘e geografia
ma certamente nunn’è ‘a casa mia!

‘A casa mia sta dint’ ‘o blu
addò nce truove core e fantasia
si nce viene nun te ne vaie cchiù
è tropp’ ‘a vita bella e chiena ‘e frennesia

I’ stongo ‘a sempe a ‘stu paese
addò se campa mese pe’ mese
certo quacche vvota a quaccheduno
mancano pure ‘e sorde pe’ fa’ ‘a spesa

Ccà nce truove ricchi e gente semplice
gente ca nun ce ne stanno ‘e simmile, na vera rarità
chi pure sta’ nguaiato riesce a essere felice
s’arrangia, lotta e nunn’accetta ‘a carità

L’Italia? No… che vo’ dì chesta parola?
‘stu nomme e ‘sta bandiera senza onore?’
‘A casa mia è overa, no, nunn’è geografia
Napule è ‘o nomme d’ ‘a terra mia

S’affaccia ‘stu…

View original post 58 altre parole


Guardame…

Immagine

Guardame… turmiento  ‘e passione

tu me trase dint’ ‘e penziere

‘o core me sbatte forte si te guardo

e sbatte ‘e cchiù si riesco a te tuccà

 

Tu si’ na frennesia, na malatia d’ammore

‘a femmena cchiù bella ca se po’ desiderà

‘sti fianche tuoje so’ ddoce, na vera rarità

si’ na buscia ca coce ma ca me fa cunzulà

 

Nisciuno po’ restà indifferente

nisciuno po’ guardà ‘stu firmamento

senza ca lle sbatte ‘o core forte mpietto

senza ca ‘o respiro se ferma e po’ scumpare

 

Tu si’ cielo ‘e primmavera

ca fa belle tutt’ ‘e ssere

tu si’ ll’uocchie cchiù splennente

ca me guardano ncantate

 

si’ ‘a criatura cchiù carnale

na sirena tentatrice

nisciuno, manco pe’ nu mumento

doppo ca t’ha cunusciuto po’ scampà

 

Napule… t’abbraccio ardentemente

guardame, i’ mò so’ cuntento

te tocco e sente ll’onne

ca me sfiorano ‘sta faccia.

 

Chist’uocchie mieje so’ nfuse

so’ nfuse d’ammore e d’alleria

ll’ammore ‘e chi riesce ancora a te vasà

ll’alleria ‘e chi riesce ancora abbraccià!

 

 

Salvatore Mazzella

Diritti riservati.

Copyright 2014


‘O scarrafone di: Mario Abbate jr. e Salvatore Mazzella

O scarrafone è il secondo lavoro di Mario Abbate jr. e Salvatore Mazzella, dopo il successo di ‘I nun credo la coppia sforna un’altro brano dall’argomento “scottante”, ‘o scarrafone (lo scarafaggio) è accostato alle figure losche che popolano la città, i camorristi, i politici corrotti, gli usurai, gli usurpatori senza regole che non hanno pietà e civiltà…
Dalla terra dei fuochi si alza un grido di dolore, protesta e speranza per il futuro!!!
Il testo di questo brano è di Mario Abbate jr. mentre le musiche e gli arrangiamenti sono stati curati da Salvatore Mazzella che da’ anche a voce al brano…
Prossimamente sarà possibile acquistare il brano sui maggiori negozi di musica digitale come iTunes, Google Play, Amazon, Spotify, Deezer ecc…

Ecco un’anteprima web…Immagine


Nomina di Emanuele Filiberto di Savoia come ambasciatore di Pompei… La mia mail al sindaco!

Egregio signore,

le scrivo in quanto ho appreso oggi dalle pagine online de IL MATTINO di Napoli che lei e la sua giunta avete deciso di nominare Emanuele Filiberto di Savoia come ambasciatore della città di Pompei nel mondo!!!
Gentile sindaco, io sono letteralmente stupefatto! Non posso credere che un mio conterraneo nonché sindaco di una delle cittadine più belle e famose della mia terra possa aver avuto il coraggio di fare questa scelta!!!

Conoscerà sicuramente la storia dell’unità d’Italia! Perché la conosce signor sindaco vero? Spero che lei ignori la vera storia e si basi su quello che invece ci hanno insegnato a scuola! Quello che negli anni siamo stati costretti a studiare…
Perché caro sindaco se lei ignora io non posso condannarla, il suo gesto è compiuto in modo ingenuo, da “ignorante” della storia, ma se lei conosce invece la storia vera, quella che non ci hanno insegnato e che l’Italia prima o poi dovrà divulgare allora non mi spiego come lei possa aver avuto il coraggio di una scelta simile!!!

I Savoia e precisamente il “padre” della patria italica (di cui io non mi sento assolutamente di far parte), Vittorio Emanuele II, altro non ha fatto che saccheggiato, rubato, violentato, deturpato, incendiato, assassinato ogni centimetro quadrato delle nostre terre!!! In nome di una guerra non dichiarata e che ha avuto luogo ai danni del cugino Francesco II di Borbone unicamente per mettere gli artigli sull’immenso patrimonio del Regno delle due Sicilie!!!
Le nostre donne sono state violentate, sventrate nel vero senso della parola dall’esercito savoiardo! I nostri avi sono stati ammazzati e torturati! I nostri partigiani sono stati definiti briganti soltanto per giustificare la loro uccisione e decapitazione!
L’Italia unita è una favola che è presente solo nella fantasia di chi ha scritto i libri di storia!
Oggi apprendo che un sindaco di una delle cittadine della mia terra affida la sua l’immagine nelle mani di un discendente dei Savoia!
Che dolore immenso! Che tortura, che violenza che la mia mente e quella di migliaia di campani siamo costretti a sopportare!
Perché caro sindaco? Perché? 
Perché non Sua Altezza Reale il Principe Carlo di Borbone delle Due Sicilie, Duca di Castro?

Lui sarebbe stato degno di rappresentare la sua cittadina!!!

Lui è discendente di una famiglia reale, quella dei Borbone che ha fatto e dato tutto a Napoli ed al meridione tutto!
Chi meglio di lui poteva continuare l’opera iniziata dai loro antenati? 
Chi meglio di Sua Altezza Reale il Principe Carlo di Borbone delle Due Sicilie, Duca di Castro?!?
Egregio sindaco, anche se credo che lei non abbia il coraggio di ritornare sui propri passi e di revocare la nomina ad un savoiardo io glielo dovevo dire!!!
Magari questa mail non scalfirà nemmeno la sua coscienza, magari questa mail sarà cestinata prima di essere aperta e letta, ma se la leggerà caro sindaco, le chiedo solo di leggerla da napoletano, col cuore e con la mente, non come sindaco.

Distinti saluti

 
Salvatore Mazzella

Napoli 16/11/2013 UN FIUME IN PIENA!!!

UN FIUME IN PIENA!!!

The day after… Il giorno dopo aver partecipato alla manifestazione a Napoli un fiume in piena.

Analizzo ciò che è successo… Lo faccio il giorno dopo e a sera per essere a mente fredda e lucida, dopo aver vissuto quella manifestazione si poteva correre il rischio di sbagliare nel descrivere le cose, magari essere di parte, enfatizzare o minimizzare l’accaduto… intanto, non mi ero accorto che eravamo in centomila!!!

Da “dentro” non ci si rende conto della gente che c’è davanti e dietro al corteo! 

Ho provato emozioni uniche, vedere tanta gente che nemmeno conosci che ti stringe la mano solo perché sei presente, ti ritrovi a ringraziare allo stesso tempo le persone che ti sono vicine e che “pensano” quello che tu pensi…
Una delle cose che più mi ha sorpreso e fatto piacere è stata la presenza di centinaia di migliaia di ragazzi! Altro che gioventù bruciata! Questo è lo zoccolo duro della nostra città, ragazzi sui quali puntare per un futuro più roseo!!!

Ieri ho visto la mia Napoli in piazza! Unione d’intenti! Unità napoletana, tutti per lo stesso scopo!

Immagine

 

 Ringrazio gli organizzatori, ma che nessuno prenda i meriti di quello che è stato, ieri ha vinto Napoli! Ha vinto la Campania!

Ora bisogna soltanto allargare la partecipazione a chi è rimasto a casa!

Paradossalmente centomila persone sono niente rispetto ai quasi tre milioni di campani!!!

Partecipate ancora più numerosi! La pioggia certo ha frenato chi era meno motivato, ma la prossima volta vi voglio con noi!

 

Un pensiero per gli amici di sempre che ho incontrato come Francesco De Crescenzo e Mario, agli amici che conoscevo solo tramite facebook come Enrico Viciconte, Maria Garenna, Raffaele Rea, Francesco Perrella, Kekko, Mattia, Antonio, Domenico Rispoli e i suoi amici che mi ha presentato, ho stretto la mano a più di seicento persone, una sensazione unica…

Un piccolo rammarico per le persone che pur presenti non sono riuscito ad incontrare come il mio fratellone Angelo Forgione presente come sempre in queste occasioni col movimento V.A.N.T.O.! C’erano i fratelli Neoborbonici e tantissime altre associazioni e movimenti!

Centomila persone sono veramente tante… ritrovarsi non era facile!!! 

 

Un ultimo, ma non ultimo pensiero va a mia figlia Roberta che è stata al mio fianco per tutto il tempo! Molte ragazzine di 14 anni di sabato pomeriggio hanno avuto altre cose da fare, lei, invece, è rimasta al fianco del suo papà a urlare per Napoli!!!  

 SONO ORGOGLIOSO DI TUTTI VOI! SONO ORGOGLIOSO DI NAPOLI E DELLA CAMPANIA!

 

Salvatore Mazzella


Francesca Reggiani si scusa… io le credo!

Puntuali arrivano le scuse di Francesca Reggiani!

Dal suo profilo di facebook Francesca scrive le sue scuse e le sue giustificazioni (allego foto del suo profilo).

Mi direte che sono di comodo, che sono le ovvie scuse di chi ha capito di aver fatto una cosa impopolare, invece, io le credo!

C’è una cosa rispetto ad altre volte in cui è capitato con qualche altro personaggio mi fa protendere per il credere alle sue scuse! 

La Reggiani ha il papà napoletano!

Conosce quindi Napoli, conosce i napoletani, conosce i problemi come le bellezze di una città unica nel bene e nel male.

Scuse accettate Francesca.

 

Saluti.

Salvatore Mazzella

 

Immagine


Lettera aperta a Francesca Reggiani

 

  • Gentile (?) sig. Reggiani,

    chi le scrive è un napoletano da una ventina di generazioni, non esagero, lo sono per davvero, le scrivo appunto perché ho trovato a dir poco disgustosa la sua imitazione della Loren nonché la sua “battuta” sulla ormai nota e usatissima storia della “puzza” che secondo voi del nord Napoli sarebbe immersa!

    Credo che lei Napoli non abbia nemmeno idea di cosa sia e di cosa rappresenti!

    Cara signora, penso che questa volta lei abbia sparato una gran caxxata!!! Mi perdoni le eventuali volgarità (come dicevano Benigni e Troisi in un noto film), ma dovrebbe documentarsi bene prima di fare battute del genere, battute che offendono la dignità di un popolo come quello napoletano che da sempre esporta cultura nel mondo!

    A Napoli cara la mia signora Reggiani abbiamo avuto la prima fabbrica di sapone! Abbiamo inventato il bidet, sì, se oggi gli italiani si lavano il culo lo devono proprio alla pulizia dei napoletani! Lo sapeva? Ne dubito! Credo che una persona dello sport, dello spettacolo, dell’arte, del cinema o di qualsiasi altro campo “pubblico” non debba assolutamente fare simili affermazioni (seppur velate dalla “scusante” della “battuta” cabarettistica!!!

    Le faccio notare che non mi scaglio solo contro di lei, lo faccio anche con “cabarettisti” della mia città tipo Siani che per far ridere voi del nord cavalcano l’onda dei luoghi comuni sui napoletani! Queste cose sono superate! Nun se portano cchiù!

    La invito a Napoli signora Reggiani, sarò felice di farle sentire la “puzza” della sfogliatella appena sfornata, faremo un giro sul lungomare a sentire la “puzza” del mare, ci fermeremo da “Michele” a sentire la “puzza” della pizza e magari gliela offrirò pure, io non porto rancore, sono sicuro che lei che si aspetta cumuli di immondizia accatastata lungo le strade rimarrà stupita dalla pulizia delle nostre strade (la monnezza, nel periodo dell’emergenza era dovuta alla sua Italia, alla politica del suo paese)!

    Magari andremo a sentire anche la “puzza di Capri, Ischia, Sorrento, Pompei, scaleremo il Vesuvio dall’alto potremmo ammirare il panorama più bello del mondo! Ci pensi signora Reggiani, sarò ben lieto di farla ricredere su Napoli ed i napoletani! Saluti.

    Salvatore Mazzella

 


La terra dei fuochi? Vogliamo le teste!!!

Si vedono pagine su facebook di personaggi famosi che con un cartello in mano con su scritto il nome di un paese campano coinvolto nella storia degli avvelenamenti ad esempio Caivano o Caserta, Gricignano o Castello di Cisterna ecc. e la scritta NON DEVE MORIRE!
Le foto di alcuni personaggi coinvolti sono addirittura “oscene” nel senso che il personaggio in questione sorride (cosa ci sia da ridere non si capisce)!
Non commento l’ideatore della pagina e nemmeno farò il nome (non merita la pubblicità su questo blog)!

C’è una pagina… sempre su facebook, ideata da Daniela Carelli, la pagina si chiama “La terra dei fuochi? Vogliamo le teste!”
Pagina che nasce dallo stato d’animo di Daniela che come tanti napoletani e meridionali vivono sulla loro pelle il dolore degli avvelenamenti da rifiuti tossici! Rifiuti che l’Italia ha autorizzato a “scaricare” e sotterrare alla meglio nel territorio campano con la complicità statale che usando la camorra ha creato un paravento alle proprie colpe INDISCUTIBILI!!!
Molte iniziative sono nate a favore della “Terra dei fuochi”, dei fuochi perché oltre al già gravissimo e quasi irrecuperabile avvelenamento delle terre è in uso l’avvelenamento “aereo” dovuto agli incendi di rifiuti tossici nelle campagne di tali paesi, roghi che nonostante centinaia di denunce continuano a tutt’oggi ad avere luogo!

La gravissima situazione ha messo in moto la macchina della solidarietà… ma è solidarietà?

Commento e do’ spazio per questo motivo a: “La terra dei fuochi? Noi vogliamo le teste!” Sì, perché è una pagina nata per contrastare le iniziative pubblicitarie di alcuni personaggi che magari ignari mettono la faccia, e per fare qualcosa di concreto per questi posti, NOI NON ADOTTIAMO!

La descrizione della pagina che riporto interamente è questa!

NOI NON VOGLIAMO ADOTTARE NESSUNO! VOGLIAMO I NOMI DEGLI ASSASSINI! VOGLIAMO LE TESTE DEI RESPONSABILI!
Potete anche tenervi il vassoio d’argento…portatecele in un sacco dell’immondizia… le useremo come concime biologico!!
Descrizione
Noi non siamo indignati, non siamo incazzati, noi siamo oltre il disgusto, SIAMO SCHIFATI.
Schifati da questo stato connivente che si disinteressa dei propri cittadini tranne quando deve succhiare loro altre tasse.
Noi siamo schifati nel vedere, da oltre dieci anni, denunce su denunce cadute nel vuoto e nell’indifferenza, mentre la gente muore in nome dell’interesse. 
Siamo schifati da questo stato omertoso, da queste mezze denunce, dai dico e non dico.
Siamo schifati da quegli individui che sparano a zero definendoci “popolo di merda” perché abbiamo paura di denunciare il camorrista che viene a sversare veleni nelle nostre terre, gli stessi individui che quando protestiamo e ci incazziamo ci etichettano come terroristi.
Siamo schifati dalle strumentalizzazione dei media, dalle manifestazioni finto-interessate e finto-buoniste.
Siamo schifati da questo gioco al massacro che si combatte solo e sempre sulla nostra pelle.
Noi vogliamo i nomi, vogliamo i responsabili e non abbiamo paura di metterci la faccia!
NOI VOGLIAMO LE LORO TESTE!
 
Ai “simpatizzanti” della pagina che cliccano sul famoso “mi piace” gli amministratori chiedono l’invio di una foto con una scritta che possa giustificare il loro essere “schifati” da tale situazione, al momento la pagina conta oltre 1.600 aderenti che sono in costante crescita.
 
C’è un gruppo serio…
Nei giorni successivi all’apertura della pagina gli amministratori sono diventati 5 per volere della stessa Daniela Carelli.
Ragazzi che hanno sposato la causa con lo stesso ardore e con la stessa voglia di fare il possibile per la propria terra!

Immagine

 

FACCIAMO QUALCOSA PER LA NOSTRA AMATA TERRA!!!
https://www.facebook.com/vogliamoleteste


TERRA MIA

rifiiuti_tossici-2

Ho sentito molto attentamente le parole di Carmine Schiavone (pentito del clan dei Casalesi) su Sky TG24…
Mi ha lasciato un’angoscia addosso, un senso di impotenza, ma al tempo stesso una rabbia assurda! Vorrei spaccare il mondo per le cose che questa merda di gente in collaborazione con lo stato italiano ha fatto alla mia terra! 
Carmine parla di rifiuti di vernice, di piombo, di rifiuti farmaceutici, e merda di ogni genere, seppelliti tra la Campania ed il basso Lazio e addirittura di rifiuti gettati in mare!!! 
Ogni parola non potrà mai descrivere la rabbia che ho nel cuore e nello stomaco per l’impotenza di fronte a tanta VIOLENZA verso un popolo, una terra…
CHE DIO VI MALEDICA!!!

Non ho potuto fermare il cervello! La penna e i pensieri sono partiti.
La rabbia è tanta, vorrei ammazzarli tutti ma non ne sono capace! La mia unica arma è la parola, il pensiero, la penna che stringo tra le mani, la mia chitarra, la mia musica…
Io non so’ se mai avrà fine la mafia, la camorra le parole di Schiavone suonano come una condanna “La mafia non finirà mai”, io non mi arrendo però… ho una testa di c… oppure ho fiducia nel prossimo e nel futuro… Una cosa è certa… non dobbiamo arrenderci a tutto questo! 
E’ giunto il momento di parlare!

Nce steva na terra mmiez”o mare

l’acqua splennente nfunneva ‘sta gente

chiena ‘e meraviglie ‘stu criato ‘e Dio

bellezza e ricchezze, chest’era ‘a terra mia!

 

‘Sta terra ‘e musica e canzoni

‘sta terra ‘e fatica e prucessione

‘sta terra ‘e sirene e briganti

‘sta terra mia mò stà ‘int”e mmane ‘e ‘sti furfanti

 

Terra bella, terra mia

te guardo e chiagno, che malincunia

penzanno a chello ca t’hanno fatto

penzanno a chi t’ha ngannata e violentata

mò si’ terra ‘e paura, si’ terra ‘e nisciuno 

cu ‘o ffuoco c’abbrucia e sputa veleno

veleno ca nun se vede ma che squarta ‘sti vvene

veleno ‘e fummo niro ca ncuorpo trase cu ‘e suspire

 

I’ sonno pe’ tte ‘e suonne cchiù belli

te veco splennente e libera ‘a ‘sta munnezza ‘e gente!

Chi pe’ quatte sorde ‘int”a sacca t’ha  spurcata ‘a faccia

Chi t’ha sfruttata, violentata  e vennuta ato nunn’è!

 

Nu cammurrista è nu guappo ‘e cartone

vence sulo cu na pistola ‘int”e mmane

t’ha accarezzata e sbattuto ncuorpo 

tutt”a mmerda ‘e ll’industrie d”o nord

 

Senza penzà e futtenno a tutte quante

ha inquinato l’acqua, l’aria e ‘e campagne

‘o stato italiano ca tutto sapeva

l’ha permiso e niente faceva

 

Terra bella, terra mia

te guardo e chiagno che malincunia

penzanno a chello ca si’ stata

penzanno a chello ca si’ addeventata

 

I’ saccio però ca tu nun t’arrienne

aizammoce e luttammo ca passa ‘st’inferno!

‘Stu suonno, ‘stù suonno ‘e libertà

abbracciato nziem”a te ‘o voglio sunnà.

 

Salvatore Mazzella