TRA MUSICA E MAGIA…

Sezione di pensieri, testi, poesie e canzoni mie o di amici, potete scrivere tutti, e tutto ciò che volete (ovviamente non cadendo nella volgarità). Gli argomenti? Musica, e… magia…

Sotto a chi tocca…

Iniziate a scrivere….


3 responses to “TRA MUSICA E MAGIA…

  • maria nunzia panico

    SCAVANNE DINT’E’ SUONNE…
    pubblicata da Maria Nunzia Panico Borrelli il giorno giovedì 29 marzo 2012 alle ore 10.02
    Scavanno dint’ è suonne,
    veco na culonna…
    fatta ‘e cemento,
    bianca comme ‘a neve!
    Chella culonna e’ ‘a famiglia,
    ca ruota attuorno a me!
    ‘O bene e’ troppo assaje
    ca io ricevo ‘a vuje…
    ma nun ‘o saccio si ‘o merito,
    tutto stu grande affetto!
    “Amatemi vi prego!”
    me pare ca e vvote dico…
    pecche’ tengo paura,
    ca ‘o bbene ppo’ ferni’…
    all’impruvviso!
    Ma comme pozzo penza’
    io chesto?
    Io che decanto “ammore”,
    pozzo penzà ca more
    sto sentimento ‘e favola
    cu tutto ll’alone suoje?
    Pur’io songo essere umano
    cu tutt’è sbaglie mieje…
    e’ chesto ca me fa male,
    nun me fa campa’ cchiu’ bbuono!
    Guardateme cu uocchie doce,
    guardateme cu nu surriso,
    nun me puntate maje contro, ‘o dito!
    Nun e’ maje pè cattiveria…
    si qualche vota sbaglio!
    lassateme sempe nu spiraglio…
    nun me chiudite a porta, maje!
    (Ah…me so’ scurdata e di’…vè porto dint’ò core… “fami’!”)

    TUTTI I DIRITTI RISERVATI

  • maria nunzia panico

    POESIA AMMORE MIO!
    pubblicata da Maria Nunzia Panico Borrelli il giorno giovedì 29 marzo 2012 alle ore 17.03 ·

    Io nun saccio niente e,
    Di Giacomo, Trilussa,
    Manzoni e Leopardi…
    e Pascoli e Ungaretti…
    e pure e tanti autri…
    ma saccio sulo ca…
    me piaciono e poesie!
    e sopratutto e scriverne,
    scriverne a piu’ non posso…
    accummencio p’à matina
    appena ca me sosso!

    TUTTI I DIRITTI RISERVATI

  • Salvatore Mazzella

    Io sentevo na musica antica…
    c’arrivava e traseva dint’’o core
    na bandiera cu tre belli culure
    astringevo dint’’e mane cu mme

    Piccerillo me l’aggio mparato
    parola, parola ‘o cantavo
    si ‘o sentevo felice m’aizavo
    cu na mano ncopp’o core e chiagnevo

    Era l’Inno ca m’hanno mparato
    era l’Inno d’Italia pe mmè
    fino a quando nu iuorno liggevo
    n’ata storia ca nun sapevo, pecchè?

    Ncopp’’e libbre nun ce steva scritto
    ca na guerra nfamante astutava
    nu Stato, nu Rrè e na Riggina
    cu nu popolo ricco e felice

    Era ‘o Regno cchiù bbello d’’a terra
    cu primati e ricchezze infinite
    palazzi, triatri e castelli
    ce levaieno senza manco sapè

    Chesta gente torturata e bruciata
    violentata, massacrata e sparata
    primma è stata spugliata e arrubbata
    e cacciata ‘a stà terra è emigrata

    Mò n’at’Inno è trasuto dint’’o core
    ‘o canto e chiagne pecché è verità
    è l’Inno ‘e nu popolo fiero
    è l’Inno ca tenevemo aiere

    Iddio preservi il Re…
    cu tutt’’o core ogge ‘o voglio cantà
    e fischianno chillo d’’o tricolore
    na bandiera bianca astregno mpiett’a mme

    Salvatore Mazzella

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: